Ogni volta che entro in libreria, c’è quell’istante – brevissimo e infinito – di vertigine: milioni di parole, migliaia di volumi, anni di sudore e dita sulla penna o sulla tastiera, e una o più scelte da fare. Poti ti fai trascinare, sei indeciso sull’ultimo Zadie Smith, a fianco c’è Ali Smith che non hai mai letto (è pure nella lista dei 1001 libri da leggere), lo prendi.

Benedetto quell’istante e quella scelta, perchè “Inverno” è un romanzo magnifico.

Le prime pagine? Potentissime, un realismo magico di altri tempi e latitudini, una vigilia di Natale con una madre che attende il figlio, un figlio (collaboratore dei copyright di una multinazionale e gestore di un blog di nature writing) che avrebbe dovuto essere accompagnato dalla fidanzata, mai presentata al genitore. Una fidanzata con cui la storia è evidentemente finita male, se è vero che lei gli ha sottratto credenziali di accesso al blog e sta attuando una forma estrema di “revenge blog”, spammando contenuti che ne distruggono la credibilità. E allora, da un incontro fortuito che è una scintilla nel buio, l’idea di assoldare una ragazza (Lux, non a caso, uno dei personaggi più incredibili letti negli ultimi anni) che lo accompagni dalla madre, fingendosi la sua compagna e dando il via ad una serie di ricordi e rivelazioni che riguardano anche la zia Iris, con la quale la mamma ha interrotto ogni contatto, anima contestatrice della famiglia d’origine.

C’ tanta, tantissima cultura letteraria in quello che leggerete: ci sono rimandi a Dickens, più o meno velati, c’è Cimbelino di Shakespeare che accompagna lo svolgersi della trama, ci sono i tuoi personalissimi riferimenti di lettore che fanno capolino fra le pagine (io ci ho trovato Tartt, Murakami, persino uno spruzzo di Paul Auster, qualche cosa di De Lillo) a dimostrazione del fatto che leggi e pensi. E ti commuovi anche un po’.

Credo – non ho controllato – sia uno di quei romanzi che divide fra profondi detrattori e amore viscerale. Mi iscrivo subito al secondo gruppo, i cui membri hanno la mia stessa espressione un po’ spaesata ma affascinata da Ali Smith.


AutoreAli Smith
TitoloInverno
EditoreSUR
CollanaBIGSUR
Anno di PubblicazionePrima edizione in lingua originale: 2017
N° pagine280
ISBN978-8869981623
Amazon.itcartaceo € 16,62

PROGETTI
1001 libri da leggere133 / 1001
Riassumendo
  • 8.5/10
    Gigantesco - 8.5/10
8.5/10

Quarta di copertina

Alla vigilia di Natale – un Natale insolitamente caldo e senza neve – Art, collaboratore dell’ufficio legale di una multinazionale e autore di un velleitario blog di nature writing, parte per la Cornovaglia, dove ha accettato di passare le feste nella villa della madre Sophia, imprenditrice di successo ormai in pensione. Avrebbe dovuto presentarle la sua compagna, che però l’ha appena lasciato dopo un litigio: Art ha quindi impulsivamente deciso di farsi accompagnare da Lux, una ragazza misteriosa e brillante conosciuta per caso il giorno prima.

Rispondi