“Viaggio”: dal latino viaticum, che indicava “il cibo che viene consumato durante la strada”. Come dire che, con l’andar del tempo e dell’uso verbale, hanno finito per coincidere il fatto stesso di viaggiare con ciò che lo consente alimentandosi e alimentandolo. Se ti fermi un attimo e ci pensi per davvero, è quasi vertiginoso.

Il viaggio di Paolo Rumiz lungo crateri, linee di faglia, grotte del nostro paese si alimenta di storia, cultura popolare, religione, memoria civile, linguaggi. Parte dal Sud Italia, e nel Sud Italia rimane probabilmente più del previsto – perché il viaggio sta dove il cibo necessario lo alimenta – e risale fino al mio Carso, evocando leggende e raccontando in ogni tappa come il Sotto e il Sopra si influenzino, come i borbottii del Profondo determinino la vita di noi che ci camminiamo sopra, come il vuoto sia spesso molto più decisivo del pieno. 

Un viaggio che è memoria, perché le cicatrici della terra sono – come quelle sulla pelle – ricordo di avvenimenti e dovrebbero costituire monito, e quanto è frequente che questo non accada alle nostre latitudini. Ma poiché Rumiz è Rumiz, non ci fermiamo all’aspetto “investigativo” o a immediate tragiche considerazioni su abusi e fragilità dell’edilizia: ad ogni smottamento che ha riempito i tg viene associata una vista – prima da Sotto, poi dall’interno – delle conseguenze sociali sulle popolazioni e sulla meraviglia storica che siamo disponibili a vedere scomparire giorno dopo giorno attraverso decisioni influenzate dall’ignoranza e dalla necessità di riscontri elettorali (quando va bene). 

Con una forzatura lessicale, mi sono reso conto che pensavo al Profondo di Rumiz in una accezione che non ci si affianca etimologicamente, ma che mi ha detto tanto: questo straordinario autore profonde – elargisce, offre con larghezza – pagine di assoluta intensità, insieme a cultura, moniti, compagnia. 

SCHEDA LIBRO
Autore: Paolo Rumiz
Titolo: Una voce dal profondo
Editore: Feltrinelli
Collana: Narratori
Anno di pubblicazione: 2023 
Pagine: 288
ISBN: 978-8807035739

Acquisto: Amazon.it : cartaceo copertina flessibile € 17,10, ebook: € 9,99

Riassumendo
  • 8.5/10
    Epico, profondo, bellissimo - 8.5/10
8.5/10

Quarta di copertina

L’autore sente una voce rauca che lo chiama dal fondo di un vulcano spento. Quel suono, simile a un lamento, gli ricorda che c’è una crepa che squarcia l’Italia dalla Sicilia al Friuli: quella dei terremoti. Rumiz decide di seguirla, di entrare “con la lampada di Aladino” nel mondo del Minotauro.

Rispondi