CAPIT-OLIBRI

Un americano tranquillo di Graham Greene

Un apparente triangolo amoroso che è molto di più. Una spy story che è, di nuovo, molto di più. Lo sfondo storico è quello della Guerra d’Indocina combattuta fra l’esercito coloniale francese e il movimento per l’indipendenza del Vietnam: un conflitto che Greene conosce bene, avendo trascorso tre anni a Saigon come corrispondente di guerra per The Sunday Times e Le Figaro. La voce narrante,...

Continua a leggere

Un americano tranquillo di Graham Greene

I bravi soldati di David Finkel

Con I bravi soldati di David Finkel, anche la guerra in Iraq ha il suo cantore. Il suo Omero di Troia, il suo Remarque del fronte occidentale, il suo Michael Herr del Vietnam: una voce in grado di raccontarne le sfumature, inevitabilmente superando la cronaca e la cronistoria per entare nell’unica dimensione in grado di raccontare davvero la Storia: l’uomo. David Finkel è un cavallo...

Continua a leggere

I bravi soldati di David Finkel

Ultimo di Rochus Misch e Come mio fratello di Uwe Timm

Il periodo più tragico del nostro ultimo cinquantennio almeno un aspetto personalmente positivo lo ha avuto: MoglieRiccia, con il commuovente anelito professionale ed educativo che mi ha fatto innamorare – insieme a tutto il resto – ha abbracciato la didattica a distanza, il che mi ha consentito di godermi per la prima volta la sua (pur virtuale e certamente non paragonabile) presenza in classe. Così,...

Continua a leggere

Ultimo di Rochus Misch e Come mio fratello di Uwe Timm

Le otto montagne di Paolo Cognetti

La triste realtà è che questo periodo in cui “il tempo e lo spazio si sono fatti elastici” (cit. con lacrimuccia) sto leggendo meno – scomparse quel paio d’ore di mezzi – e scrivendo ancora meno. Però devo confessare a chi mi ha visto in una videocall particolarmente assonnata qualche settimana fa che avevo alle spalle una dormita faticosissima per tutto merito di Paolo Cognetti. Ora, io sono...

Continua a leggere

Le otto montagne di Paolo Cognetti

Passeggiate letterarie a Trieste

115 preziosissime e godibilissime pagine: Matteo Chiavarone racconta Trieste attraverso i suoi autori, le sue atmosfere, la sua magia che a volte sembra sospesa nel tempo e nello spazio. Spessissimo sono le parole di Claudio Magris ad accompagnare il lettore in queste passeggiate letterarie: non credo sia necessaria dire altro, se non che A Trieste, passeggiate letterarie regala davvero una serie di spunti, suggerimenti, suggestioni...

Continua a leggere

Passeggiate letterarie a Trieste

Il pazzo dello zar di Jaan Kross

Riprendo, a colpevole distanza di tempo, il mio giro del mondo letterario in ordine alfabetico che – dopo la tappa africana in Eritrea – approda in Estonia con Il pazzo dello zar di Jaan Kross, caposaldo della letteratura baltica pubblicato nelle sempre splendide e riconoscibili edizioni di Iperborea. Mi rendo conto che farsi catapultare nell’Estonia del 1800 potrebbe non sembrare il migliore dei suggerimenti possibili,...

Continua a leggere

Il pazzo dello zar di Jaan Kross

Gli inconvenienti della vita di Peter Cameron

Un titolo può generare aspettativa? Secondo me sì, soprattutto quando è bellissimo (e Gli inconvenienti della vita è un titolo bellissimo), ancor più quando è accompagnato in copertina da un nume della letteratura moderna quale Peter Cameron. Un po’ l’aspettativa, dunque, un po’ che da qualche giorno sono salutisticamente malmostoso, ma questa mini raccolta di racconti (due, per un totale di poco più di cento...

Continua a leggere

Gli inconvenienti della vita di Peter Cameron

Qualityland: furbo e intrigante

Qualityland è un romanzo furbo, furbissimo: con una trama che sembra scritta appositamente per diventare un film (o una serie TV) di successo, un protagonista che non può che generare infinita empatia e una serie di trovate davvero azzeccate. Oggettivamente divertente, sufficientemente strutturato per accompagnarti verso il finale fra qualche colpo di scena e una ambientazione futuristica (ma forse non troppo) che un po’ ti...

Continua a leggere

Qualityland: furbo e intrigante

Meraviglioso Rumiz: come cavalli che dormono in piedi

Non cadrò nell’errore di inoltrarmi nella stantia discussione fra “leggere cartaceo ” e “leggere ebook” (mi sembra che il punto non sia come si legge, ma quanto e soprattutto cosa). E non mi impegnerà la discussione fra “libro che deve rimanere intonso” e “il libro va vissuto anche fisicamente” (comunque le orecchie alle pagine MAI). Però è una fortuna che io abbia letto Come cavalli...

Continua a leggere

Meraviglioso Rumiz: come cavalli che dormono in piedi

Page 3 of 3212345...102030...Last »
Capitolo23