L’undicesimo comandamento di Mark T. Sullivan: anche no

429 pagine. Lo riscrivo in lettere che lo fa sembrare più lungo: quattrocentoventinovepagine. Che un thrillerone “tra Mission Impossible e The Bourne Identity” – come strilla la copertina – faccia desiderare di arrivare alla fine non per scoprirne gli arcani ma per poterlo finalmente chiudere… no, non è un buon segno. Quando poi: il protagonista fascinoso-le-donne-cadono-ai-suoi-piedi non mostra alcuna complessità caratteriale, la trama è una...

Continua a leggere

L’undicesimo comandamento di Mark T. Sullivan: anche no

Recensioni volanti: La lotteria di Shirley Jackson e l’ultimo Zerocalcare

Il periodo è quello che è, quindi leggo (meno) e scrivo (zero). Però mi son finalmente goduto un racconto che mi consigliavano da anni: si trattava de la Lotteria di Shirley Jackson, contenuto nell’omonima e agilissima raccolta pubblicata da Adelphi (e quanto son belle queste edizioni mini?). Non ho fatto in tempo quindi c’è il rischio che il paragone sia già stato fatto e quindi...

Continua a leggere

Recensioni volanti: La lotteria di Shirley Jackson e l’ultimo Zerocalcare

Marie la strabica

Non ho letto moltissimi Simenon. Credo derivi dal desiderio – cresciuto e compreso in particolare negli ultimi anni – di spaziare fra generi, letterature, autori diversi. Mi conosco, so che mi innamorerei – in parte è già accaduto – di Maigret e il rischio di dedicarmici con una continuità famelica e quasi quotidiana è troppo alto. Per il giro del mondo letterario (fermata Belgio) e...

Continua a leggere

Marie la strabica

La parata di Dave Eggers

140 pagine di agilissima lettura che hanno tre protagonisti principali. I primi due sono Quattro e Nove, due contractor incaricati da una multinazionale di realizzare, in uno sconosciuto paese africano anch’esso senza nome, una strada che colleghi il Nord e il Sud della nazione dopo decenni di una sanguinosa guerra civile. Una accoppiata davvero male assortita: tanto Quattro è rigoroso e preciso, quasi robotico, nell’espletare...

Continua a leggere

La parata di Dave Eggers

Le 100 bandiere che raccontano il mondo

Io e MoglieRiccia abbiamo letto, consigliato, regalato (e pure recensito) i due libri di Tim Marshall che ci erano passati tra le mani: sia I dieci muri (memorabile) che Le Dieci Mappe (appena sotto ma pur sempre illuminante) ci avevano convinto entrambi un bel po’, e non è che capiti poi così frequentemente. Inevitabile esultare per questa nuova uscita: per me, poi, era un ritorno...

Continua a leggere

Le 100 bandiere che raccontano il mondo

Recensione La ragazza del Kyushu di Matsumoto Seicho

Mi hanno parlato con entusiasmo di Tokio Express del giapponese Matsumoto Seicho e io, che non so resistere al fascino di una bella fascetta in libreria, mi sono fatto tentare da La ragazza del Kyushu, titolo che mi ha appena fatto battere il record di tentativi di scrittura corretta di una parola nipponica. La trama prende una sua direzione gialla con l’incontro tra un celebre...

Continua a leggere

Recensione La ragazza del Kyushu di Matsumoto Seicho

Qualcuno alla porta di Geoffrey Holiday Hall

Con Qualcuno alla porta concludo la mia lettura dell’intera bibliografia del misterioso Geoffrey Holiday Hall, agevolato dal suo essere composta da soli due titoli (e il primo, La fine è nota, mi aveva letteralmente conquistato). E per completare la sezione curiosità, romanzo letto in una curiosa edizione datata 1997 e timbrata “Editori Riunioni – Sellerio editore”, recuperata con un balzo su una bancarella del centro....

Continua a leggere

Qualcuno alla porta di Geoffrey Holiday Hall

I ragazzi della Nickel

Sempre più frequentemente mi capita di sottolineare come Colson Whitehead rappresenti al meglio la letteratura contemporanea americana al suo meglio. Mi capita con scarsissima frequenza di rimandare la lettura di un romanzo per non vivere la sensazione dell’averlo già letto e non poterci rimettere lo sguardo sopra con il candore della prima lettura: da un paio di anni mi sta capitando con La ferrovia sotterranea...

Continua a leggere

I ragazzi della Nickel

Martin Bora: La canzone del cavaliere

Lungamente atteso, direi quasi inseguito, per poter riprendere in ordine di uscita editoriale la meravigliosa serie che ha per protagonista Martin Bora. Fino a un paio di mesi fa, recuperabile solo (e a caro prezzo!) sul mercato dell’usato, quindi grazie a Sellerio per la pubblicazione. Ciò premesso, e divorato le quattrocenta-e-ben-di-più pagine del volume, e fermo restando anche che se avete amato anche solo una...

Continua a leggere

Martin Bora: La canzone del cavaliere

Le emozioni di Almarina

A volte mi dimentico che anche le parole sono frutto di una invenzione. Nella Guida tascabile per maniaci di libri, a pagina 465, se ne elencano alcune che ereditiamo da Shakespeare, tra cui mi ha molto divertito leggere il termine gossip, per dire. La parola nostalgia, che utilizziamo quasi quotidianamente – o almeno lo faccio io, che spesso sono di indole da “sguardo al passato”...

Continua a leggere

Le emozioni di Almarina

Ogni coincidenza ha un’anima

Fabio Stassi è un uno di quegli autori che sto centellinando. Il suo La lettrice scomparsa mi aveva convinto parecchio, e mi sono conservato Ogni coincidenza ha un’anima in previsione di un periodo complesso, come sono convinto mi avrebbe consigliato Vince Corso, biblioterapeuta protagonista dei due romanzi citati. “Hai mai pensato che ogni libro contiene tutti i libri che ha letto il suo autore, e...

Continua a leggere

Ogni coincidenza ha un’anima

Potere e impero: nostalgia di Tom Clancy

Un paio di settimane fa festeggiavamo il matrimonio di un amico e al tavolo si rievocavano gli antichi ricordi liceali dei commensali: c’era quell’aria bella di memoria e delicatezza, quel sorriso lieve di sguardo al passato che non è nostalgia e neppure malinconia e che accende una luce soffusa. Mi rendo conto che l’immagine è difficile da associare all’ultimo Tom Clancy (in realtà, per i...

Continua a leggere

Potere e impero: nostalgia di Tom Clancy

Page 1 of 2512345...1020...Last »
Capitolo23