Recensione romanzo Il Canaro della Magliana

Recensione romanzo Il Canaro della Magliana
17 Lug 2018

Metti insieme uno fra i giallisti più apprezzati dello Stivale e un investigatore che ha fatto la storia delle nostre forze di polizia. Aggiungi uno dei casi più eclatanti e feroci della storia del nostro paese, infarina con personaggi accattivanti e complessi sullo sfondo di una degradata periferia romana. Sembra la ricetta perfetta per un ottimo romanzo estivo, ed in effetti il risultato non tradisce le aspettative.

Massimo Lugli e Antonio Del Greco mettono insieme un romanzo solido, ancorato alla realtà della cronaca eppure piacevolmente sviluppato in una fiction gradevole. Che poi, a ben vedere è l’aspetto più complicato in assoluto: del Canaro della Magliana si sa quasi tutto, e chi ha una minima attrazione per il genere letterario e per le sue derivazioni sotto ogni forma ha già certamente incrociato l’evento, fosse anche solo per un racconto televisivo. Tenere lontano il lettore dalla noia potenziale, avvinghiarlo alle pagine e non mollarlo fino al finale – benché noto! – non risulta agevole, e lode al duo Lugli – Del Greco per esserci riusciti.

Angela Blasi, affascinante ispettore di polizia alle prese con un primo caso da cronaca nazionale, è un personaggio davvero ben costruito. Forse un po’ estrema in alcuni momenti dell’indagine e negli intrecci con la sua vita sentimentale, ma sono difetti che sotto l’ombrellone si perdonano facilmente. Anche grazie a questa protagonista che ti entra sotto la pelle, Il Canaro della Magliana si fa leggere, dimentichi degli schiamazzi a bordo piscina, dell’inevitabile musica da aquagym e persino di quel nuvolone nero laggiù su cui già leggi il tuo nome.

SCHEDA LIBRO
Autore: Massimo Lugli, Antonio Del Greco
Titolo: Il Canaro della Magliana
Editore: Newton Compton Editori
Collana: Nuova narrativa Newton
Anno di pubblicazione: 2018
Pagine: 323
ISBN: 978-8822721211
Prezzo (Amazon.it, 15% sconto): cartaceo copertina rigida: € 8,41, ebook (epub, mobi): € 2,99

share

Alfonso d'Agostino

Rispondi

Capitolo23