Monthly Archives: gennaio 2017


Recensione la città sepolta di James Rollins
29 Gen 2017
5.5/10

Recensione la città sepolta di James Rollins

Oggi ci droghiamo di Netflix e SKY On Demand quindi abbiamo perso un po’ l’abitudine, ma una volta in tivvù c’erano quegli infiniti blocchi pubblicitari – generalmente posizionati ad arte – che da una parte ti consentivano di sgranchire le gambe ed esprimere l’efficacia del sistema urinario e dall’altra spegnevano l’attenzione verso la trama. Devo essermi rimasti sottopelle perché durante la lettura de La città...

Continua a leggere


Recensione romanzo Porte chiuse di Kostas Mondis
26 Gen 2017
5.5/10

Recensione romanzo Porte chiuse di Kostas Mondis

(Sì, sì, lo so che non si può iniziare una frase con una parentesi. Qui siamo addirittura in presenza di un paragrafo che si apre con una parentesi. Di più: per un motivo che vi sarà chiaro subito dopo il punto a capo, l’intera recensione di Porte chiuse – romanzo del cipriota Kostas Mondis – si svilupperà fra due parentesi tonde. E adesso vi faccio...

Continua a leggere


Recensione Gli Assalti alle panetterie di Murakami Haruki
21 Gen 2017
8.0/10

Recensione Gli Assalti alle panetterie di Murakami Haruki

Era sul comodino da una settimana: Gli assalti alle panetterie prometteva poca storia e grandi illustrazioni, ma quel “Haruki Murakami” sulla copertina manteneva intatta la sua attrattività nonostante lo spessore poco più alto del foglietto della Messa. Poi, ieri (qualche giorno fa per chi legge), un cinguettio: il nuovo Murakami è in arrivo. Persino la data di uscita giapponese non è certa, figuriamoci quella italica....

Continua a leggere


Recensione La sostanza del male di Luca D’Andrea
15 Gen 2017
6.5/10

Recensione La sostanza del male di Luca D’Andrea

La premessa, assolutamente non necessaria, è che la prima metà del mese di gennaio non ha rappresentato esattamente il miglior periodo per darsi alla lettura del primo thriller del bolzanino Luca D’Andrea: non sarà scesa la neve (con grande scorno della ricciolina che mi siede accanto or ora) ma le temperature si sono fatte impegnative. Lo capisci perché le sciure milanesi hanno tirato fuori colbacchi...

Continua a leggere


Recensione I diari di Hitler di Robert Harris
12 Gen 2017
7.5/10

Recensione I diari di Hitler di Robert Harris

Sarà capitato a tutti di leggere un romanzo to-tal-men-te agganciato al reale, o dalla trama e dal coinvolgimento così vividi da far pensare: “Caspita (o versioni più anatomiche dello stesso concetto) sembra una storia vera!”. Ecco, con I diari di Hitler di Robert Harris avrete la possibilità di procedere alla affermazione esattamente contraria: è una storia vera, e sembra impossibile che sia accaduta veramente. Come è possibile...

Continua a leggere


Recensione Dispacci di Michael Herr: la guerra del Vietnam in letteratura
09 Gen 2017
8.0/10

Recensione Dispacci di Michael Herr: la guerra del Vietnam in letteratura

A volte ti fanno una domanda e l’unica risposta che puoi offrire è: “Dipende” (segue nella mente un noto motivetto spagnoleggiante). Tipo, c’è stato un periodo in cui avevo delle pretese da fotoamatore serio e molto compunto, e regolarmente qualcuno mi domandava: “Chi è il tuo fotografo preferito?”. La risposta, ovviamente, “dipende” da un sacco di fattori, primo fra tutti la tipologia di immagini. Mi...

Continua a leggere


La misteriosa morte della compagna Guan di Qiu Xiaolong
05 Gen 2017
7.0/10

La misteriosa morte della compagna Guan di Qiu Xiaolong

Ho appena finito di leggere un giallo cinese. Ok, detta così fa un po’ ridere. Giallo, cinese. Mentirei se non descrivessi la tentazione come  quasi irresistibile: pronto ad approdare in Estremo Oriente per il mio giro del mondo letterario (qui l’elenco di nazioni visitate), il gioco di parole veniva facile facile facile. E, ovviamente, non mi dispiaceva affatto l’idea di godermi un genere letterario molto...

Continua a leggere


Un bene al mondo di Andrea Bajani
03 Gen 2017
8.5/10

Un bene al mondo di Andrea Bajani

Ci sono stati anni in cui ho scritto un sacco di lettere non spedite. Aspetta, in realtà è un po’ più complesso di così: all’inizio vergavo lunghissime missive e le piazzavo dentro una scatola di legno che, qualche anno prima, doveva aver contenuto due bottiglie di quello buono. Chissà se era contenta, quella scatola, del suo passato di contenitore di vini pregiati e del suo...

Continua a leggere