Recensione Eccomi di Jonathan Safran Foer

Recensione Eccomi di Jonathan Safran Foer
01 Nov 2016

Un noto – e compianto – umorista italiano una volta disse: “Sarei disposto ad avere 37 e 2 tutta la vita in cambio della seconda palla di servizio di McEnroe”. Ecco, se io fossi uno scrittore sarei disponibile ad avere 37 e 2 tutta la vita per un quindicesimo del talento di Foer nel far dialogare i suoi personaggi. Eccomi, l’ultimo romanzo di una delle voci più significative della recente letteratura americana, lo dimostra inequivocabilmente.

Eccomi di Jonathan Safran Foer

Eccomi è un romanzo-città, in cui convivono storie legate fra di loro, personaggi abitanti forse vite d’altri, crisi di coppia, adolescenti sulla via delle consapevolezza. E’ un romanzo-città con i suoi odori e i suoi profumi, con una sua storia segnata dal tempo e una famiglia da seguire nelle sue vicissitudini. E’ un romanzo-città con un suo sistema viario che può condurti verso i comuni gemellati: la città di “Ogni cosa è illuminata”, con cui condivide un gonfalone giallo-giallo e una vena amaro-umoristica ebraica di altissima caratura, e la metropoli di “Molto forte, incredibilmente vicino”, a cui è accomunata da uno straordinario amore per i bambini.

(e comunque Foer è un genio assoluto nel ritrarre personaggi bambini)

Eccomi è un romanzo da leggere ridendo spesso, fermandosi altrettanto frequentemente a riflettere, commuovendosi il giusto. Un libro solidissimo, una avventura narrativa, un’esperienza da lettore da non mancare.

SCHEDA LIBRO
Autore: Jonathan Safran Foer
Titolo: Eccomi
Traduzione: Irene Abigail Piccinini
Editore: Guanda
Collana: Narratori della Fenice
Anno di pubblicazione: 2016
Pagine: 666
ISBN: 978-8868366988
Prezzo (Amazon.it, 15% sconto): cartaceo copertina flessibile: € 18,70; eBook: € 11,99

LINKOGRAFIA
Intervista all’autore (Fonte: IlLibraio)
L’intervento di Foer al Parenti di Milano per la presentazione del romanzo (Fonte: Youtube)

share

Alfonso d'Agostino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.