Heat Wave: dalla serie TV al romanzo

Heat Wave: dalla serie TV al romanzo
25 Lug 2016

Oggi ho scoperto che si chiamano pseudobiblum. Hai presente quando in un libro o in un film compare un altro libro che non è mai stato scritto ma che è funzionale alla trama? Ecco, quello è uno pseudobiblum.

Quindi oggi ho letto uno pseudobiblum. Ci sono un paio di motivi per i quali non sto andando in giro tronfio come un pavone nella stagione dell’amore ripetendo a tutti “Ehi, io oggi ho letto uno pseudobiblum”.

Primo motivo: sono allegramente spiaggiato su un lettino croato e – nonostante l’evidente italianità delle terre istriane – ci sono buone probabilità che non mi capiscono in molti. Il che, è evidente, limiterebbe di molto il senso della mia passeggiata regale.

Secondo motivo: lo pseudobiblum che ho affrontato non è un capolavoro della letteratura mondiale e ha persino tratto origine – udite udite – da una di quelle serie TV per le quali io e la mia signora viviamo brevi e infuocate passioni.

Heat wave

La serie TV in questione è “Castle” ed è incentrata sulla storia di uno scrittore di thriller che viene affiancato ad una squadra di detective newyorkesi tra i quali spicca la meravigliosa Kate Beckett. Quale migliora musa di una conturbante e molto capace poliziotta della Grande Mela? Negli episodi della serie, Castle (lo scrittore) darà quindi vita a un personaggio letterario ispirato alle gesta della Beckett, ed è qui che scatta lo pseudobiblum.

image

Nikki Heat diventa davvero la protagonista  di un libro, un libro vero. Se lo leggete senza aver mai visto la serie televisiva, lo troverete probabilmente un po’ debole, anche se la trama, ruotando intorno a un furto d’arte e a un paio di omicidi – si segue volentieri. Il vero divertimento scatta però nel leggerlo dopo (o durante) la visione del telefilm: il romanzo riprende pienamente i protagonisti della serie, cambiandone i nomi ma non le caratteristiche, così come uno scrittore embedded nelle forze di polizia sarebbe di sicuro portato a fare. E funziona, con il giusto mix di divertimento e tensione che si abbevera nella letteratura di genere più venduta (leggi Patterson, per esempio).

Talmente da spiaggia che sto per iniziare il secondo. In mezzo agli schizzi d’acqua e allodole di crema solare, ci sta benissimo.

share

Alfonso d'Agostino

Rispondi