Buchi nella sabbia: un grandissimo Marco Malvaldi

Buchi nella sabbia: un grandissimo Marco Malvaldi
23 Nov 2015

E’ definitivo: non fosse bastato “Odore di chiuso”, con un magnifico Pellegrino Artusi protagonista della vicenda, giunge la conferma del talento purissimo di uno scrittore noto per le vicende dell’ormai celebre “BarLume”, eternato anche da una doppia serie su SKY.

Ok, sono pronto a sostenere dinnanzi a chiunque che Marco Malvaldi gode di una (quasi) miracolosa capacità di unire giallo, romanzo storico e divertimento letterario come pochi – direi pochissimo – sono mai stati in grado di fare.

buchi nella sabbia marco malvaldi

Con “Buchi nella sabbia” ci trasferiamo nella (sua amata) Pisa, anno 1901: sono ancora nell’aria gli echi delle esplosioni delle “bombe Orsini” nell’attentato a Napoleone III e, soprattutto, l’attentato dell’anarchico Bresci a Re Umberto I. E’ comprensibile dunque che la sicurezza attorno al nuovo sovrano sia ben più stringente, e che la presenza di Sua Altezza (si fa per dire) ad una rappresentazione della Tosca in una delle regioni più bakuniane d’Italia generi preoccupazione. Il Capitano dei Carabinieri Ulrico Dalmasso e il tenente Gianfilippo Pellerey dovranno confrontarsi con un omicidio, che non vedrà vittima il futuro Imperatore d’Etiopia ma una vera star del palcoscenico…

Se si dovesse riuscire – e mi rendo conto di quanto sia complicato – a superare il purissimo divertimento nella lettura, sempre a livelli altissimi, sarebbe giusto riconoscere all’autore una impeccabile messa in scena storica: per un appassionato cultore del Novecento come il sottoscritto è quasi immediato, ma da scarso conoscitore del mondo dell’opera e dei suoi protagonisti confesso di essere rimasto assolutamente affascinato. Contribuisce enormemente al successo la figura di Ernesto Ragazzoni, poeta, anarchico anch’esso, alcolista non pentito, ingegno aguzzo e scarsissima capacità di adeguarsi all’ambiente e agli interlocutori. Davvero magnifico.

Malvaldi non delude mai, e dico mai.

share

Alfonso d'Agostino

Rispondi